Psicologia Sociale e Ambientale

Contenuto

“Gli effetti psicologici di natura e cultura: teorie ed esperienze nell'Ecomuseo dei Lazzaretti Veneziani”
Laboratorio residenziale - Università degli Studi di Milano
5-7 giugno 2024


Nato come workshop territoriale nel 2019 (progetto vincitore del bando CAVV-CSV di Venezia dedicato alle comunità solidali che ha dato il via alla dimensione paesaggistica Il Sentiero delle Barene) e proseguito nel 2022 come prototipo sperimentale del Laguna Living Lab, dal 2023 è diventato un Laboratorio di Psicologia Sociale e Ambientale dell'Università degli Studi di Milano (Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali).

Obiettivi formativi: conoscere le teorie che spiegano la qualità dei processi psicologici positivi nella fruizione dell’ambiente naturale e legato all’eredità culturale. Risultati apprendimento attesi: capacità di leggere dal punto di vista psicosociale i luoghi e di progettare interventi per la comunità.

L’esperienza teorico-pratica si articola lungo le tre direttrici ecomuseali: l’ambiente della Laguna di Venezia, la storia millenaria dell’isola, il progetto di rigenerazione urbana partecipata.
Immersi in questa particolarità territoriale, i lavori e gli incontri di gruppo permettono a studenti e docenti di analizzare la qualità delle esperienze vissute e i possibili cambiamenti, in un confronto aperto fra la singolarità di ciascuno e questo luogo di rinascita, divulgazione e didattica che accoglie e comunica con migliaia di persone da tutto il mondo.

Riservato agli studenti di Unimi con numero massimo di 10 partecipanti, è condotto dalla prof.ssa Giorgia Fazzini con la partecipazione dei proff. Paolo Inghilleri e Nicola Rainisio.

Strumenti redazionali e contenuto evoluto
Video
Didascalia

Il Laboratorio studia e fa vivere sul campo la reciprocità di cura e benessere che può intercorrere fra persone e luoghi - fra esseri umani e paesaggio - affrontando il progetto di recupero del Lazzaretto Nuovo secondo l'approccio di psicologia sociale e ambientale sviluppato nel libro "I luoghi che curano” di Paolo Inghilleri (Raffaello Cortina Editore 2021)

Immagine