Immagine

Il Partner

Contenuto

Il Partner è la rubrica del magazine digitale La Biblioteca delle Isole che racconta le tante collaborazioni che costituiscono l'ecomuseo dei Lazzaretti Veneziani, guardandolo dal punto di vista delle realtà che vi partecipano.

Questi i contributi pubblicati nei numeri del magazine fin qui distribuiti a oltre cinquemila iscritti tramite newsletter.

 

© Lazzaretti Veneziani, i diritti sono riservati. Gli autori della Biblioteca delle Isole collaborano a titolo gratuito con l'ecomuseo: rispetta la ricerca, per il suo utilizzo scrivici ! (l'email è nel footer del sito)

Strumenti redazionali e contenuto evoluto
Immagine
Didascalia

FONDAZIONE ITALIA PATRIA DELLA BELLEZZA

Il vero talento dell’Italia è la bellezza: per valorizzarla, nella sua accezione più ampia e universale, la Fondazione Italia Patria della Bellezza ha adottato un approccio "dal basso", con l’obiettivo di sostenere i progetti di comunicazione legati a turismo, cultura, creatività, che si distinguono per la capacità di promozione del territorio, coinvolgendo le comunità locali, trovando nuove chiavi di lettura e di narrazione del patrimonio materiale e immateriale. È un'idea di bellezza unica, irripetibile e plurale, fatta di arte, storia, cura del paesaggio, ricerca scientifica e tecnologica, progettualità ed eccellenza manifatturiera, intesa come il naturale elemento differenziante del nostro Paese: una vera e propria risorsa strategica da cui ripartire.
Per questo motivo la Fondazione ha deciso di sostenere il progetto delle associazioni Ekos Club e Archeoclub di Venezia per i Lazzaretti Veneziani, luogo simbolo di bellezza meno nota al grande pubblico, prezioso ambiente storico e naturale valorizzato da una comunità attiva, per avviare un’apertura a una dimensione sempre più digitale, con un nuovo sito web, rinnovato nella struttura, nei contenuti e nell’usabilità, video promozionali, e una serie di visite e attività virtuali per consentire a sempre più persone la conoscenza e la fruizione di un patrimonio così significativo, emblema di identità e resistenza in un territorio messo a dura prova dai cambiamenti climatici e dal turismo di massa.

Immagine
Didascalia

VENIPEDIA

Fin dalla sua nascita, Venipedia è dedicata alla divulgazione culturale, alla sostenibilità, alla valorizzazione del territorio, delle eccellenze e delle realtà meritevoli. L’iniziativa Venipedia Virtuosa nasce per valorizzare e per supportare queste ultime, attraverso la propria struttura, il proprio know-how innovativo e attraverso la propria piattaforma tecnologica e comunicativa.
Nel 2020, nell’anno della pandemia globale, ha deciso di lanciare ufficialmente l’iniziativa Venipedia Virtuosa in occasione della sinergia con i Lazzaretti Veneziani, eleggendoli a progetto pilota dell’iniziativa stessa.
La scelta dei Lazzaretti Veneziani è stata fatta per il valore che la storia, il presente e il futuro di questo luogo rappresenta: un simbolo di innovazione, di soluzioni propositive e di benessere olistico, dove l’ambiente, il paesaggio e la storia si incontrano in una unica isola nel mezzo della Laguna veneziana.
È anche un luogo dove Venipedia vede le potenzialità per creare un reale ecosistema che possa di nuovo essere una cittadella dell’innovazione al servizio dei grandi temi del futuro, come la prevenzione, la sanità e la sostenibilità ambientale. Temi che gli sono storicamente propri e che oggi più che mai sono vitalmente importanti. Questo grazie anche all’egregio lavoro delle associazioni che da più di quarant'anni si prendono cura dell’isola del Lazzaretto Nuovo. Guarda la testimonianza video!

Immagine
Didascalia

CONTRATTO DI AREA UMIDA PER LA LAGUNA NORD DI VENEZIA

Il Contratto di Area Umida è uno strumento di governance partecipata, orientato a valorizzare la disponibilità alla cooperazione delle comunità locali per gestire gli ecosistemi delle zone umide costiere e i relativi aspetti socioeconomici, lo sviluppo e la conservazione di queste aree fragili, superando le frammentazioni che spesso mettono a repentaglio la sostenibilità.
Testare in alcuni contesti pilota di Italia e Croazia l’efficacia di tale strumento è stato l’obiettivo del progetto CREW, co-finanziato dal Programma Interreg Italia-Croazia 2014-2020, avviato nel dicembre 2018 e ora prossimo alla conclusione.
Oltre a coordinare il progetto transfrontaliero nel suo complesso, l’Università Iuav di Venezia è stata responsabile dell’elaborazione del Contratto di Area Umida per la Laguna Nord di Venezia, scelto come esperienza pilota per la sua peculiare complessità, ma anche per la rilevanza che riveste a livello locale, regionale, nazionale e internazionale. 
Il percorso per la costruzione del Contratto è stato avviato a settembre 2019 con una serie di incontri informativi nei principali comuni dell’area coinvolta. Il lavoro è proseguito con momenti di ascolto, partecipazione pubblica e negoziazione, anche attraverso due tour per la formulazione del quadro conoscitivo svolti dal gruppo di lavoro, numerose assemblee plenarie on-line e l’organizzazione di tre tavoli di lavoro, dedicati a: (1) tutela ecologica e idromorfologica e gestione del moto ondoso, (2) attività produttive e ricreative, agricoltura, caccia e pesca, promozione e accoglienza turistica, (3) residenzialità.
Giovedì 15 luglio il Contratto è stato sottoscritto da parte di 31 attori istituzionali e non: enti pubblici, associazioni del territorio, operatori economici, le Università degli Studi di Padova e Università di Ca’ Foscari, a vario titolo interessati alla laguna nord. 
Con la firma si è dato avvio alla fase attuativa, che vedrà tutti i soggetti coinvolti partecipi nel dare vita alle iniziative previste nel Programma d’Azione. Dalla definizione partecipata di uno Statuto dei luoghi della laguna nord al miglioramento dell’accessibilità degli spazi pubblici lungo la gronda lagunare; dalla definizione di una strategia integrata relativa alla mobilità sostenibile in laguna nord alla tutela e valorizzazione del patrimonio culturale della pesca, della gastronomia, del merletto. 

Le associazioni dei Lazzaretti Veneziani l'hanno sottoscritto, vai al Contratto!

Immagine
Didascalia

TAKING ACTION. LOW-TECH AS INNOVATION
International Workshop 11/18.09.2021


Sabato 18 settembre 2021 è stata inaugurata nell'isola del Lazzaretto Nuovo un’architettura sperimentale in autocostruzione, "necessaria" e low-tech: un padiglione polifunzionale a destinazione didattica smontabile e completamente reversibile, utilizzando materiali biocompatibili e di recupero, realizzato da studenti dello IUAV Istituto Universitario di Architettura di Venezia nell'ambito del Workshop "Taking Action. Low-tech as innovation", coordinato dal professore Giovanni Mucelli e dall’architetto Andrea Maggiolo, nato dalla collaborazione tra l’Unità di Ricerca “Laboratorio Sperimentale del Saper Fare” (SF_Lab) Iuav di Venezia e l'organizzazione internazionale EAHR di Copenhagen (Emergency Architecture & Human Rights).
Una struttura funzionale ma nel contempo evocativa (la forma ricorda una carena di nave, il colore delle sue parti rosso cinabro come le antiche scritte sui muri all’interno del Tezon Grande e la sua copertura rimanda alle vele delle navi commerciali in rada per la quarantena), che verrà utilizzata dai Lazzaretti Veneziani per attività didattiche e come copertura ombreggiante nell’attività di scavo archeologico. 
Il workshop, inoltre, vuole essere una occasione seminariale didattica, di ricerca e di progetto, basata sulla sperimentazione innovativa di un fare, necessario, attento all’uso delle risorse e dei materiali locali, attraverso l’utilizzo di tecniche costruttive ibridate a bassa sofisticazione coerenti con le conoscenze e il know-how del contesto di riferimento, i cui obiettivi formativi sono l’apprendimento di una tecnica costruttiva semplice attraverso metodi di learning by doing; il monitoraggio attivo nei mesi successivi della struttura realizzata al fine di valutarne criticamente l’affidabilità nel tempo, in relazione alle sollecitazioni ambientali e d’uso in ecosistema particolarmente delicato ed eccezionale come quello della Laguna di Venezia.
L’iniziativa è parte integrante di una ricerca Iuav multidisciplinare che ha come obiettivo la valorizzazione del patrimonio archeologico, architettonico e ambientale della Laguna di Venezia, attraverso installazioni e infrastrutture lignee temporanee, coerenti con la natura anfibia e mutevole dell’ambiente lagunare. Testimoni di un passato denso e operoso, ma nel contempo nuovi luoghi di informazione e formazione su una Laguna, ormai scomparsa, meno vuota e fortemente dinamica, capace di divenire fulcro di attività commerciali ed economiche: porto delle città romane e bizantine della fronda lagunare. Nuovi luoghi che, oltre a condurre ed orientare, possano costituire una rete informativa sperimentale, una sorta di grande museo diffuso, attraverso il quale far rivivere e raccontare, ai nuovi visitatori, la complessità e la dimensione di un passato le cui testimonianze archeologiche, ormai, sono quasi completamente scomparse per l’inesorabile aumento di quel elemento di vuoto (l’acqua) che contrariamente nel passato è stato fonte di prosperità e civiltà. Un nuovo saper fare che induca ad una riappropriazione fisica e culturale della Laguna Nord quale luogo di testimonianza storica e di eccezionalità ambientaleGuarda il video!

Immagine
Didascalia

FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA

Le relazioni tra la Fondazione Querini Stampalia e le associazioni Archeoclub d'Italia Sede di Venezia ed Ekos Club, promotrici dell’ecomuseo dei Lazzaretti Veneziani, risalgono a una trentina di anni or sono. 
Dal 1991 vengono ospitate, prima nell’area restaurata da Carlo Scarpa e poi nell’auditorium progettato da Mario Botta, le conferenze della manifestazione biennale "Rassegna di Archeologia", che ha ormai raggiunto la XVI edizione.
Archeoclub ed Ekos Club si sono rivelate anche una risorsa indispensabile e un prezioso aiuto in un momento di seria crisi economica, dovuto ai tagli dei fondi pubblici destinati ai servizi. Dal 2012 la Fondazione ha organizzato l'apertura del Museo grazie alla disponibilità di volontari di varie Associazioni, in primis gli stessi Ekos Club e Archeoclub - il cui Presidente, Gerolamo Fazzini, ha aderito prontamente all'appello della Querini - ai quali si sono iscritte molte persone appartenenti alla membership della Querini Stampalia. Una rete di oltre un centinaio di volontari ha permesso la fruizione al pubblico delle attività espositive del Museo e l'apertura notturna della Biblioteca e,  dopo la partecipazione ad alcuni corsi, anche piccole manutenzioni sui libri più utilizzati.
L’ecomuseo dei Lazzaretti Veneziani ha inoltre ospitato nelle isole del Lazzaretto Nuovo e del Lazzaretto Vecchio gli Amici, i volontari e i dipendenti della Fondazione, offrendo momenti di incontro e visite guidate: un'occasione unica per scoprire aree della laguna meno frequentate e conoscere una parte della storia della Serenissima, oggi più attuale che mai.
Frutto di tale importante cooperazione culturale sono, inoltre, alcune esposizioni allestite nelle sale della Fondazione. Tra queste, "Navi, squeri, traghetti da Jacopo de' Barbari" del 2013, che ha permesso ai visitatori di rivivere il tempo in cui Venezia era "la regina dei mari", e l'evento realizzato lo scorso anno, legato alla pandemia del Covid19, "C'era una volta la peste. Venezia e le misure di contenimento del morbo tra '500 e '600", una rassegna di documenti, volumi antichi, stampe, e mappe per ripercorrere la storia delle grandi pestilenze del passato.

Immagine
Didascalia

POLITECNICO DI TORINO: SOCIOLOGIA URBANA E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Nella primavera del 2021, una collaborazione informale tra l'ecomuseo e i corsi di Sociologia Urbana e Legislazione dei Beni Culturali e Urban Sociology and Cultural Heritage Legislation della Laurea Magistrale in Architettura per il Restauro e la valorizzazione del Patrimonio del Politecnico di Torino, ha permesso agli studenti di affrontare il caso-studio dei Lazzaretti Veneziani come esempio di "bene comune" all'interno di una cornice di valorizzazione e di promozione culturale e turistica in una città complessa come Venezia.
Nonostante il periodo di pandemia dovuto al Covid-19 non abbia purtroppo permesso una visita in loco da parte degli studenti, il caso-studio ha suscitato un sincero interesse, proprio per il pregresso ruolo dei Lazzaretti nell'opera di contenimento e prevenzione della peste nei secoli passati.
Affrontare il caso dei Lazzaretti Veneziani ha significato, per gli studenti, trovarsi di fronte ad una realtà di sicuro valore storico-artistico rapportandosi ad essa con gli strumenti dell'indagine sociale e partecipativa (a cui si devono aggiungere le nozioni di Legislazione dei Beni Culturali che, sebbene di carattere teorico, hanno permesso di comprendere più a fondo le vicende legate ai Lazzaretti sotto il profilo giuridico).
Partendo dall'importanza di un tale bene per la città di Venezia, come luogo di partecipazione civica e di "comunità", i temi sono stati molteplici. Tra questi, lo sviluppo negli ultimi anni del fenomeno della digitalizzazione dei beni culturali come incentivo alla conoscenza e alla divulgazione del patrimonio; l'importanza di un network tra i diversi Lazzaretti del Mediterraneo che, sebbene di difficile realizzazione considerando la differente natura giuridica degli stessi, può incentivare sia un percorso di valorizzazione, sia la creazione di una relazione più sistematica tra le diverse realtà; il tema della promozione turistica, con un particolare accento su sostenibilità e accessibilità inclusiva, che si interseca con la conservazione del paesaggio in chiave più naturalistica; nonché il tema degli ecomusei e dei "musei delle città" come testimonianza attiva di un patrimonio condiviso ed embrionale luogo di partecipazione civica.